Il borgo di Antria si anima di storie e personaggi con il presepe vivente

presepe_antria

Il borgo di Antria si anima di storie e personaggi con il presepe vivente
Visitabile il 27 dicembre 3 e 6 gennaio dalle 16.30 alle 19. Gesù bambino realizzato in terracotta dall’artista Vera Barbanera

Il castello di Antria, il borgo nel comune di Magione che conserva il fascino degli antichi insediamenti medievali, si animerà, per la prima volta, di scene di vita quotidiana e personaggi di duemila anni fa con il presepe vivente organizzato per iniziativa della proloco Vivi il Paese.
«La risposta della gente è stata a dir poco entusiastica – dichiara la presidente dell’associazione Francesca Della Rocca – e tutti, chi in un modo chi in un altro, hanno dato il proprio contributo volontario. Sono stati così realizzati, oltre al quadro vivente della Natività, quelli concernenti le attività artigiane: il fabbro, il falegname, il cestaio, i fornai, il calzolaio, l’erborista e le ricamatrici; le attività di commercio, con un mercato e la presenza di un taverniere, ed altre ulteriori scene di vita. Il tutto nella cornice del castello medievale di Antria che, ancora oggi, riesce ad emanare un fascino tutto particolare, nonostante le ingiurie del tempo e in certi casi, purtroppo, dell’uomo». «Si tratta di un’iniziativa di cui gli abitanti del territorio debbono essere fieri – commenta la presidente -. Questa rappresentazione regalerà a tutti coloro che verranno a vederla un pizzico di quella magia propria di una festa, qual’è quella del Natale, ricca di amore e di antichi profumi». Nella ricostruzione di antichi mestiere anche vecchi utensili e un Gesù bambino realizzato dall’artista Vera Barbanera.
Il presepe sarà visitabile il 27 dicembre e il 3 e 6 gennaio dalle 16.30 alle 19 con ingresso gratuito.

Translate »
Trasimeno Land
Login/Register access is temporary disabled