Palio dei Terzieri

AGOSTO – CITTA’ DELLA PIEVE

L’origine dei Terzieri risale al medioevo, quando la città venne suddivisa in tre porzioni di terreno, ognuna riferita ad una classe sociale: il Terziere Castello o Classe dei Cavalieri rappresentava l’aristocrazia, il Terziere Borgo Dentro rappresentava la borghesia ed infine il Terziere Casalino o Classe dei Pedoni che rappresentava i contadini.

I cavalieri dei Palio dei Terzieri oggi rievocano l’antica caccia del Toro, sfidandosi nell’arte del tiro con l’arco e colpendo sagome rappresentanti la razza dei tori chianini, fissate su pedane mobili. I terzieri si contendono ogni anno il Palio storico, uno splendido arazzo raffigurante gli arcieri nell’atto di rendere omaggio al Maestro di Campo (giudice della gara), prima del segnale di inizio della competizione. Nell’arazzo vengono rappresentati i monumenti più significativi della città , i simboli dei Terzieri (il Castello medievale, il Pozzo del Casalino e la Rocca del Borgo Dentro) e lo stemma di Città della Pieve con i due biscioni viscontei.  Il 15 Agosto, giorno del Lancio della Sfida, il Palio viene riconsegnato dal Terziere vincitore dell’ultima edizione al Podestà di Castel della Pieve, per essere conservato nella sede comunale da cui uscirà il giorno della caccia del Toro, per figurare nel grande corteo storico.

Il corteo vede la partecipazione di oltre 800 personaggi, tra cui vessiliferi, armati, notabili, dame e cavalieri, popolani e mangiafuoco, che percorrendo le vie principali del centro storico, intrattengono gli spettatori con giochi di prestigio e di abilità. Al termine della sfilata avanza il maestoso carro allegorico, che marcia tra le vie e le piazze cittadine, accompagnato da compagnie di musicisti che eseguono melodie che ci riportano nel periodo  rinascimentale.

La Caccia del Toro del Palio dei Terzieri rievoca le antiche “Cacce” senesi, una sorta di corride. Il giono del Palio, dopo il corteo storico che parte da Piazza del Plebiscito e accompagna gli arcieri al Campo di Santa Lucia, si svolge la gara di tiro con l’arco. Ogni Terziere dispone di tre campioni che hanno a disposizione tre frecce, i bersagli, tre sagome mobili che hanno la forma di un toro chianino, sono montati su un’unica giostra; ogni toro di legno ha una fascia con i colori del rispettivo Terziere. Con il passaggio dal primo al terzo turno, la velocità della giostra aumenta, di conseguenza cogliere il bersaglio diventa sempre più difficile.

 

Per informazioni: www.paliodeiterzieri.it – www.facebook.com/PaliodeiTerzieri

 

 

Tags:

Translate »
Trasimeno Land
Login/Register access is temporary disabled