CHAGALL – Castiglione del lago

MARC CHAGALL

L’anima segreta del racconto
8 dicembre 2018 – 31 marzo 2019

 

chagall castiglione del lagoLe opere grafiche di Chagall riempiono di segni, colori e racconti le sale del Palazzo della Corgna. La mostra, curata da Andrea Pontalti, propone una significativa selezione di opere dell’artista russo, dalla serie “Le Favole”, dal ciclo “Chagall Litographe” ed infine due opere raramente esposte al pubblico.

Ancora una volta Chagall riesce a stupire con le sue suggestioni, portandoci alla scoperta del mondo con l’animo di un bambino.

Dopo le meraviglie grafiche di Miró, la città di Castiglione del Lago ospita un altro grande esponente dell’arte del Novecento nelle tecniche incisorie: Marc Chagall.

Nello splendido Palazzo della Corgna dall’8 dicembre 2018 al 31 marzo 2019 è visitabile la grande mostra “Marc Chagall. L’anima segreta del racconto”. L’esposizione si focalizza prevalentemente sull‘opera grafica dell’artista. Si potrà ammirare una significativa selezione di opere tratte dalla serie “Le Favole de La Fontaine, dal ciclo Chagall Litographe” ed infine due opere dell’artista russo raramente esposte, provenienti da una collezione privata italiana.

Chagall non lavora solo con il colore e il tratto, ma con un immenso linguaggio di oggetti che costituiscono il suo “fictional world”. Spesso per le sue opere sono stati utilizzati i termini “letteratura”, “dipinto letterario” ed egli è stato definito “creatore di favole o racconti fantastici”.

La mostra, a cura di Andrea Pontalti, è promossa dal comune di Castiglione del Lago e organizzata da Sistema Museo e Cooperativa Lagodarte, in collaborazione con Aurora Group e The Art Company.

 

Nel 1948, alla XXIV edizione della Biennale di Venezia, Chagall espone dipinti, disegni, incisioni e illustrazioni di Gogol, La Fontaine e la Bibbia. Proprio quest’ultima produzione sarà determinante per il Primo Premio della grafica che gli verrà conferito. Una consacrazione forse tardiva, ma certamente indicativa dell’importanza storico-artistica del corpo principale delle opere esposte.

Lo stupore accompagnerà il visitatore nella visione sia delle acqueforti delle “Favole” che delle magnifiche litografie del ciclo Chagall Litographe. Il disegno “Re David suona la cetra” (1949-52) e il dipinto “Musicien et Danseuse” (1965) arricchiscono, infine, il repertorio tecnico e narrativo del percorso.

 

L’originalità dell’arte di Chagall e il suo dinamismo fantastico, che lascia trapelare tutto il mondo interiore di “eterno fanciullo”, pervade anche la sua produzione grafica. La mostra è un racconto del raccontare, che consacra a buon diritto Chagall quale “artista letterario e mitologico”. Ancora una volta Chagall riesce a stupire con le sue suggestioni, portandoci alla scoperta del mondo con l’animo di un bambino.

 

LE OPERE IN MOSTRA

“Le Favole”

Chagall inizia ad illustrare “Le Favole” di La Fontaine a Parigi, nel 1927, su richiesta del mercante d’arte Voillard. Nelle 20 acqueforti in mostra l’artista mette l’accento sulla componente mitologica e universale della favola con la consueta padronanza nel posizionamento dei personaggi. Il lavoro grafico su “Le Favole” illustra i grandi temi della vita che hanno interessato Chagall nel corso della sua opera: amore, morte e follia umana.

 

“Chagall litographe”. L’intimo compendio

Chagall Litographe presenta al visitatore un ciclo di litografie originariamente realizzate per il primo volume del catalogo ragionato dell’opera litografica dell’artista (in mostra è presente l’edizione deluxe tirata in soli cento esemplari). I temi affrontati nelle opere esposte sono: il circo, l’angelo, l’amore come abbraccio, Parigi. Infine l’artista compare in due autoritratti.

 

“Re David suona la cetra”

Realizzata tra il 1949 e il 1952. Nel “Re David suona la cetra” Chagall sceglie la libertà compositiva e la mescolanza in un cielo costellato di riferimenti biblici: Mosè con le tavole della Legge, il Cristo come l’ebreo messo a morte, Adamo ed Eva e gli Angeli. Re David pare suonare per un popolo in marcia (quasi certamente il popolo ebraico), mentre non mancano accenni alla ruralità dell’infanzia, espressa con forza attraverso scorci intimi di maternità.

 

Musicien et danseuse”

In una composizione di estrema semplicità e vivacità coloristica si ravvisa, innanzitutto, la musica. Nell’opera emerge il tema del violinista, che sarà una figura-chiave del linguaggio figurativo di Chagall tanto da divenire allegoria stessa della musica.

 

 

COORDINATE MOSTRA

 

Data: 8 dicembre 2018 – 31 marzo 2019

Luogo: Castiglione del Lago, Palazzo della Corgna

Orario: tutti i giorni 10–17. Ultimo ingresso 45 minuti prima dell’orario di chiusura. È possibile prenotare l’apertura straordinaria per visite riservate.

Biglietto: Il biglietto comprende la visita al Palazzo della Corgna e alla Rocca del Leone. Intero euro 9; ridotto A euro 7 (gruppi +15; fino a 25 anni); ridotto B euro 3 (6-18 anni); unico residenti Comune di Castiglione del Lago euro 4; gratuito bambini fino a 5 anni.

Visite guidate: in italiano € 80; in inglese € 100. Al costo si aggiunge il biglietto ridotto.

Informazioni, visite guidate e laboratori per le scuole: Palazzo della Corgna +39 075 951099 – cooplagodarte94@gmail.com

Prenotazioni: Call center + 39 0744 422848 (dal lunedì al venerdì 9-17, sabato 9-13, escluso festivi) – callcenter@sistemamuseo.it


www.palazzodellacorgna.it

Translate »
Trasimeno Land
Trasimeno Land
Login/Register access is temporary disabled